Pubblica amministrazione

Partenariato Pubblico Privato per la progettazione, realizzazione, finanziamento, manutenzione e mantenimento in efficienza della “Nuova residenza per anziani non autosufficienti” in Località Gazzera - Mestre (VE), secondo il modello della locazione finanziaria ex artt. 183 commi 15 e ss e 187 del D.lgs 50/2016 e s.m.i..

Soggetto aggiudicatore: ISTITUZIONI PUBBLICHE DI ASSISTENZA VENEZIANE
Oggetto: Partenariato Pubblico Privato per la progettazione, realizzazione, finanziamento, manutenzione e mantenimento in efficienza della “Nuova residenza per anziani non autosufficienti” in Località Gazzera - Mestre (VE), secondo il modello della locazione finanziaria ex artt. 183 commi 15 e ss e 187 del D.lgs 50/2016 e s.m.i..
Tipo di fornitura:
  • Lavori
  • Servizi
  • Ingegneria e Architettura
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 15.737.852,08
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 15.737.852,08
Oneri Sicurezza (Iva esclusa): € 356.000,00
CIG: 838250886D
CUP: F77B20000270003
Stato: In corso
Centro di costo: ISTITUZIONI PUBBLICHE DI ASSISTENZA VENEZIANE - Area Patrimoniale
Data pubblicazione: 07 agosto 2020 10:00:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 18 settembre 2020 23:59:00
Data scadenza: 28 settembre 2020 12:00:00
Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:
  • DGUE
  • Dichiarazioni integrative al DGUE
  • Domanda di partecipazione
  • Garanzia provvisoria ex art. 93 D.lgs. 50/2016 e s.m.i.
  • Cauzione ex art. 183, comma 13 D.lgs. 50/2016 e s.m.i.
  • PASSOE
  • Attestazione di presa visione dei luoghi
  • Atto costitutivo e statuto (eventuale)
  • eventuali documenti integrativi
Per richiedere informazioni: Si rimanda al contenuto del disciplinare di gara.

Il sopralluogo è obbligatorio e dovrà essere richiesto entro e non oltre il 19 Agosto 2020 alle ore 23.59 secondo modalità previste nel Disciplinare di Gara;

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le richieste di chiarimento possono essere rivolte, esclusivamente a mezzo messaggistica della Piattaforma, entro e non oltre il 18 settembre 2020 ore 23.59; richieste di chiarimento rivolte con un mezzo diverso da quello indicato, ovvero oltre il suddetto termine non saranno riscontrate.

Risposte alle domande più frequenti (FAQs)

FAQ n. 1

Domanda:

QUESITI PERVENUTI IN DATA 09 e 14 settembre 2020

N.1. Dimostrazione dei requisiti dei professionisti: In riferimento al punto 9 lett. c “Requisiti di capacità tecnico professionale “ ed a seguito della tabella riportata a pag. 13 per i servizi eseguiti nelle diverse categorie specialistiche, si presume che quanto indicato sia un refuso da intendersi quale somma complessiva delle categorie specialistiche di progettazione, mentre per la dimostrazione del possesso dei requisiti si debba fare riferimento siano quelli definiti nella tabella a pagina 4. dall’allegato A.005 Bozza Contratto Quadro Allegato B con categorie ed importi suddivisi.

N.2. Dimostrazione dei requisiti dei professionisti: In riferimento al punto 9 lett. b “Requisiti di capacità economico e finanziaria” si chiede se sia corretto intendere come “fatturato globale” - i migliori 3 esercizi dell’ultimo quinquennio antecedente la pubblicazione del bando ultimi – come per altro previsto all’art. 24 del Codice Appalti e rispettive Linee Guida ANAC n.1.

N.3. Dimostrazione Requisiti finanziatore: In riferimento al punto 9 lett. b “Requisiti di capacità economico e finanziaria” si intende il requisito soddisfatto presentando, all’interno degli ultiMI 5 esercizi, non più di 2 contratti la cui somma deve essere almeno pari a all’importo del costo complessivo dell’investimento?

N.4. Subappalto: Preso atto di quanto disciplinato dall’art. 17 del disciplinare di gara in merito al subappalto, si chiede se sia corretta l’interpretazione per cui vi sia solamente l’indicazione delle lavorazioni da subappaltare, la percentuale di riferimento e la relativa categoria SOA. Si chiede pertanto se il secondo periodo dell’art. 17 del disciplinare da “indicazione dello stesso subappaltatore…” in poi fintanto la presentazione del DGUE in fase di gara sia un refuso in quanto del disposto della L.55/2019 di cui il D.Lgs 39/2019 all’art. art. 1 c.18 recita “sono altresì sospese l’applicazione del comma 6 dell’art. 105 ed el terzo periodo del comma 2 dell’art. 174, nonché le verifiche in sede di gara , di cui all’art. 80 del medesimo codice, riferite al subappaltatore” fino alla data del 30/12/2020.

N.5. Parte Finanziaria: Nel Modello E_OFFERTA ECONOMICA, tra i costi dell’investimento, al punto d “Somme a disposizione” si chiede conferma che le stesse, per loro natura non siano oggetto di ribasso da parte del privato e quindi siano da considerare fisse ed invariabili in fase di offerta; mentre saranno oggetto di rendicontazione, come previsto all’art. 1 comma 2 dell’allegato A del contratto quadro presentato in offerta, e, pertanto, l’importo da finanziare può variare in funzione dell’effettività della spesa.

N.6. Parte Finanziaria: In riferimento al punto 23 “OFFERTA ECONOMICA” del disciplinare di gara, tra le assumption del PEF (pag 33/39), si prevede che l’indicatore della sostenibilità finanziaria del progetto Debt Service Cover Ratio (DSCR) debba essere almeno pari a 1,27. Poiché il DSCR rappresenta il rapporto tra l’importo del flusso di cassa disponibile in un determinato periodo e il servizio del debito - per capitale e interessi - per il medesimo periodo, il flusso di cassa disponibile è quello creato dall’attività di gestione del Centro Servizi da parte di I.P.A.V.; calcolato come segue: DSCR= MOL / canone annuo parternariato componente leasing IVA inclusa. In riferimento a ciò si chiede conferma del fatto che:

  1. Al numeratore si debba evidenziare il MOL (margine operativo lordo annuo) che la nuova struttura riesce a determinare, mentre è il denominatore si indica il canone annuo di PPP componente leasing;
  2. i dati quantitativi sui risultati attesi da parte della struttura in fase di realizzazione (MOL) ed oggetto di gara, siano quelli sintetizzati nel PEF presentato in offerta dal soggetto proponente;
  3. che il valore di DSCR pari a 1,27 indicato nel disciplinare di gara rappresenti il rapporto tra il MOL lordo imposte atteso a regime dall’attività della struttura in fase di realizzazione ed oggetto di gara, ed individuato dal soggetto proponente nel PEF presentato in fase di proposta in € 677.096, da ritenere fisso ed invariabile ai fini dell’offerta, ed il canone annuo di partenariato componente leasing offerto in gara IVA inclusa, come componente variabile in fase di offerta.

 

N.7. Si chiede conferma che, in riferimento all'allegato "VI. Specificazione delle caratteristiche dei servizi di Manutenzione e Mantenimento in efficienza" dell'offerta Tecnica descritta dal disciplinare di gara, relativamente alla manutenzione ordinaria e straordinaria, la parte di arredo sia esclusa dall'offerta (manutentiva) come già indicato nell'"Allegato 2" del documento denominato "A.006. Gestionale servizio di manutenzione" posto a base di gara.  Presumibilmente esclusA in quanto:

a) essendo l'arredo considerato un bene funzionale e strumentale, lo stesso abbia un periodo/ciclo di vita molto inferiore al ciclo di vita dell'opera (struttura ed impianti)

b) la convinzione, che gestione e manutenzione sarebbero state più efficienti ed efficaci se mantenute in capo all'Ente.

Resta inteso che vengano altresì fornite tutte le garanzie previste per legge dal produttore.

Risposta:

RISPOSTE A QUESITI PERVENUTI IN DATA 09 e 14 settembre 2020

 

Risposta QUESITO N.1

Con il Disciplinare è stata indicata la categoria prevalente per individuare la progettazione da eseguire su edifici con vocazione residenziale sanitaria. Tale previsione è integrata dalla disciplina vigente nel settore dei contratti pubblici; per cui secondo la disciplina e i suoi principi generali vigenti anche in tale gara potrà essere dimostrato il possesso della categoria generale sullo intero importo del contratto oppure delle specialistiche sulle singole classi quali quelle esplose nella bozza di convenzione.

 

Risposta QUESITO N.2

No. In riferimento al punto 9, lett. B “Requisiti di capacità economico e finanziaria” per il soggetto progettista il “fatturato globale” si riferisce agli ultimi tre esercizi, come previsto dal Disciplinare, conformemente alla delibera IPAV n. 43.v del 30.06.2020.

Risposta QUESITO N.3

Si. Per la dimostrazione del possesso dei requisiti di capacità economico e finanziaria del finanziatore è necessario raggiungere l’importo di € 11.981.209,72 con uno o al massimo due contratti stipulati negli ultimi 5 anni.

Risposta QUESITO N.4

Con il Disciplinare sono citate per i subappaltatori le norme del D.lgs. 50 del 2016 che ha subito nell’iter di pubblicazione della gara delle modifiche peraltro volte alla massima partecipazione. Quindi la disciplina dei subappaltatori sarà quella dettata dagli articoli richiamati secondo la formulazione attualmente vigente alla data di pubblicazione della gara e quindi che non prevede la indicazione della terna. Tale previsione infatti è stata sospesa ex lege.

Risposta QUESITO N.5

Si conferma che le somme a disposizione non sono fisse ed invariabili in quanto dipenderanno dal costo di costruzione e dovranno far parte del costo dello investimento come importo da finanziare. Si tratta infatti di somme modificabili in quanto relative alle spese tecniche e relativi oneri suscettibili di adeguamento conseguente alla definizione in sede progettuale e quindi di offerta dell’importo dei lavori ex art.24 c.8 del d.lgs.50/2016.

 

Risposta QUESITO N.6 (congiunta per i quesiti sub a, b e c):

risposta premesso che la capacità di ripagamento del debito va misurata sul proponente non sull’Ente, la indicazione del MOL del concedente ha solo valore indicativo. Quindi il margine operativo lordo annuo al lordo delle imposte non è una componente della offerta bensì rientra tra le assumption ma non tra i dati di input del piano economico finanziario asseverato dal soggetto finanziatore e da presentarsi a corredo dell’offerta. Si tratta di una analisi utile per dare conferma della capacità dell’ente di sostenere il canone del leasing. Il MOL (Margine Operativo Lordo) potrà, a livello indicativo, essere rideterminato o ri-confermato dall’offerente, sulla base del progetto definitivo.  La dichiarazione di fattibilità da parte della stazione appaltante del piano economico finanziario del proponente non preclude l’aggiornamento e l’adeguamento dello stesso.

Si conferma in ogni caso il metodo di determinazione dell’indice DSCR ed è auspicabile che l’indice DSCR “medio” incorpori nel flusso finanziario a servizio del debito anche i costi indiretti, quale i risconti della rata iniziale.

 

Risposta QUESITO N.7

Si conferma quanto previsto dal disciplinare al punto 22 ovvero che il concorrente dovrà presentare una relazione sulla manutenzione della residenza, che illustri gli interventi di manutenzione necessaria per il mantenimento in efficienza delle opere edili, impiantistiche e degli arredi quale parte della prestazione del contratto necessaria per garantire la disponibilità dell’opera. La manutenzione con sostituzione degli arredi potrà essere proposta invece come miglioria.